Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Domenica 19 maggio 2019    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - Cinema e spettacoloStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

10 Febbraio 2019
Sanremo 2019. Oltre le polemiche Mahmood vince.
di Stefania Castella



Sanremo 2019. Oltre le polemiche Mahmood vince.
Il vincitore del Festival Mahmood

Ultima serata per la kermesse musical più social degli ultimi anni. Conquista una grossa fetta di giovani questo Sanremo e lo conferma anche infine la scelta di un vincitore come Mahmood, giovane autore milanese di origini egiziane che risuonano nel suono multi etnico di “Soldi” il criticato ma vincitore pezzo che gli regala il primo posto su un podio che vede secondo (e polemico) Ultimo, terzo posto Per Il Volo, e un quarto contestatissimo posto per Loredana Bertè che tutti volevano vincitrice. Una serata lunga e dagli ospiti esaltanti come Eros Ramazzotti che porta la sua “Vita ce n’è” duetta con Luis Fonsi ma non può evitare di riportare il ricordo di quell’ “Adesso tu” debutto vincitore di un mitico Festival 1986. Incantevole la magica voce di Elisa eterea nella sua “Anche fragile” e il tributo con Baglioni a Luigi Tenco con “Vedrai vedrai”. Bella e finalmente nel suo ruolo più consono Virginia Raffaele in un mix che ricorda tutte le donne che la abitano da Malika Ayane a Giusy Ferreri a Fiorella Mannoia e una Vanoni quasi più vera dell’originale. Apre il padrone di casa la finalissima con un lungo monologo che ricorda l’impronta che a questo Festival ha voluto dare, farne un luogo di musica: “Abbiamo bisogno di un Festival della canzone italiana e spero che rimanga tale- sottolinea- Non lo sai mai se in questo festival della canzone c’è stato troppo spettacolo o troppo concorso però vi giuro che abbiamo fatto il possibile perché restasse nel solco di quello del 2018. Ha vinto la musica hanno vinto le parole”. Ed è stato proprio così, una dimensione musicale centrale, nella quale anche gli ospiti hanno avuto lo spazio del duetto e poi svaniti via, lontani i tempi delle interviste fiume e forse è giusto così, la festa della musica è stata tale, criticata o meno. E tra un giudice come Bastianich che twitta la sua preferenza sui Negrita (giunti al 20esimo posto) un ultimo criticato posto per Nino D’Angelo, un Ultimo critico con le scelte e scelte che sembrano più che contestate, ci si consola con la consapevolezza che oltre i voti resterà comunque il pezzo più radiofonico; la musica sceglie la musica oltre ogni preferenza. Vincitori comunque Daniele Silvestri (arrivato sesto) del premio “Lucio Dalla” della sala Stampa per la sua forte “Argentovivo” e Simone Cristicchi con una poesia che ha già vinto al primo ascolto “Abbi cura di me” conquista (quinto posto) il premio Sergio Endrigo per la migliore interpretazione e miglior composizione musicale. E se Il Volo commenta serafico il risultato: «Siamo felici, non siamo in competizione con gli altri finalisti. Il pubblico è sempre la risposta a tutto. Il pubblico fa diventare grandi le canzoni. Siamo felici per Mahmood». Meno contenuto Ultimo esprime tutta la delusione con un: «Non ho mai avuto la pretesa di venire qui a vincere, al contrario di tutti voi. Troppi hanno avuto la presunzione di giudicare la carriera dei prossimi vent’anni degli artisti che sono al Festival. La mia vittoria sono i live, le persone che si riconoscono in quello che scrivo. Sono contento per Mahmood. Voi avete questa settimana per sentirvi importanti e avete rotto il cazzo. A me non interessa, qualsiasi cosa dico troverete qualcosa da ridire. Non provo rancore per come è andata. Sono contento. Non ce l’ho con nessuno, sono amareggiato perché punto all’eccellenza, non al buono» sua comunque la vittoria per il brano più ascoltato in streaming della Tim. Vincitrice per i social Arisa, per lei un’ultima serata di rabbia e commozione e per una voce che non è al massimo a causa di una febbre alta, che però non scalfisce un pezzo orecchiabile e cantato al massimo delle energie. Vincitrice per l’eleganza Paola Turci, mai eccessiva, dalla sensualità ineguagliabile. Vincitrice per le parodie infinite che l’hanno fatta da padrone sul web Patty Pravo, dal look originale (e discutibile a tratti), infondo Diva per sempre. Vincitore un pubblico in sala partecipe rumoroso e vivo fino all’ultimo minuto della gara. E a notte fonda, emozioni che si rincorrono scivolano sulle polemiche mentre in sala stampa si attendono le parole del giovane vincitore e la domanda che solleva la questione mossa sui social dal ministro Salvini (non proprio fan del cantante) con le polemiche sterili che ruotano tra cittadini italiani e non…Mahmood risponde con semplicità: “Non so. Sono italiano al cento per cento” e ricorda che politica e polemiche infondo, in un momento come questo in cui si gioisce per una bella vittoria, possono anche stare in un angolo ad aspettare l’occasione di scatenarsi altrove, in altri momenti.








  Altre in "Cinema e spettacolo"