Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Sabato 17 agosto 2019    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - MusicaStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

08 Giugno 2019
Sceng ind o rione. Il nuovo singolo di Enzo Dong
di Stefania Castella



Sceng ind o rione. Il nuovo singolo di Enzo Dong
Enzo Dong

In uscita in questi giorni in digitale per Believe Music, il nuovo singolo di Enzo Dong: “Sceng ind o rione. Su una produzione musicale di Dat Boi Dee, il rapper di Scampia si muove su di uno stile caraibico-latino trascinante come il dembow molto diffuso in Paesi come Porto Rico, Giamaica e Santo Domingo, per parlare dell’ambiente in cui si è formato. Questo ritmo, inedito in Italia, è spesso usato per descrivere le “favelas” più pericolose e rappresenta bene la strada. Nel brano l’artista esprime tutta la voglia di farsi sentire, a partire dalla sua gente, cresciuta con lui nel rione, e ha scelto questo stile musicale perché si adatta sia alla realtà da cui arriva sia al dialetto napoletano. In uno dei versi chiave del brano dice: “Se voglio io mi prendo la strada, frate, ci metto un secondo. Come il matrimonio di Tina e Tony Colombo. La regola io la faccio e se voglio la rompo”. Enzo Dong (il cognome è l’acronimo di “Dove Ognuno Nasce Giudicato”) si è fatto notare dal pubblico con “Secondigliano Regna”, brano presente nella colonna sonora della seconda stagione di “Gomorra”. Dopo i primi riscontri, ha raggiunto un pubblico più grande - con le proprie forze – grazie al singolo “Higuain”, che ha attirato l’attenzione dei media non solo italiani. I brani con cui si è affermato successivamente sono “Italia Uno”, “E strade song e nostre” e “Singolo d’oro”. “Sceng ind o rione” è il nuovo capitolo di un percorso in continua ascesa.








  Altre in "Musica"