Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Sabato 05 dicembre 2020    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - SocietàStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

26 Ottobre 2020
Edoardo Raspelli: Chiudere i ristoranti alle 18 è una pazzia che sfiora la criminalità
di Stefania Castella



Edoardo Raspelli: Chiudere i ristoranti alle 18 è una pazzia che sfiora la criminalità
Edoardo Raspelli

Edoardo Raspelli commenta la decisione del governo

"Chiudere i ristoranti alle 18 è una pazzia che sfiora la criminalità. Vuol dire obbligare l'Italia a lavorare la metà. Pazzi, incoscienti e, politicamente, SUICIDI". Così, con forza, con una veemenza, che di solito non gli appartiene, le parole che istintivamente ha messo domenica sera 25 ottobre su Facebook e su Twitter Edoardo Raspelli, giornalista e " cronista della gastronomia", davanti al decreto del governo che impone da lunedì 26 la chiusura in tutta l' Italia dei ristoranti alle ore 18. Un distico che in breve tempo è diventato "virale".

Edoardo Raspelli completa il suo pensiero :"E' un provvedimento gravissimo, superfluo, inspiegabile che aggraverà ulteriormente non solo la categoria ma tutta l'economia del nostro Paese. I posti dove in Italia si mangia, ristoranti trattorie, caffetterie, bar, sono da mesi penalizzati dal sempre più massiccio(anche se comprensibilmente inevitabile)lavoro da casa che li ha svuotati, soprattutto nelle grandi città e nelle zone di uffici e fabbriche.

Ora quest'altra pessima idea ,incomprensibile, senza senso. Abolire il servizio serale vuol dire costringere alla chiusura decine di migliaia di locali, far licenziare centinaia di migliaia di cuochi sommelier e camerieri.

Queste sono le conseguenza dirette, poi ci sono le ricadute sull'indotto , e che indotto! In tutta la produzione agricola ed alimentare italiana avrà gravissime ripercussioni: già i ristoranti di ogni ordine e grado hanno diminuito vistosamente l'assortimento dei piatti nei loro menu e ridotto le cantine. Sarà ancora peggio d'ora in avanti, almeno fino a fine novembre, per vini liquori acque minerali, salumi, formaggi, frutta, verdura,pasticceria... tutto quello che siamo abituati a mangiare per vivere o per il piacere di cibo e bevande...".

Continua Edoardo Raspelli: "Oltre tutto non capisco il senso del provvedimento: il ristorante, l'agriturismo, la trattoria, non sono luoghi soggetti ad assembramenti(almeno quelli che non violano la legge). Io, appena ho potuto muovermi ho ripreso le mie ispezioni nei ristoranti. Continuo a vedere locali(ai più vari livelli)assolutamente attenti corretti e professionali: misurazione della temperatura all'ingresso dei clienti, disinfettanti dovunque, menu lavabili, bustine per non mettere sul tavolo le mascherine di ogni cliente, mascherine correttamente indossate da patron e personale, rigoroso regolare distanziamento tra i tavoli, diminuzione dei coperti...".

"C'è un ultimo aspetto da non sottovalutare-conclude Edoardo Raspelli- Anche a quei pochi turisti stranieri che in questi mesi vengono nel nostro Paese si è reso impossibile apprezzare uno dei motivi principali delle loro visite: certo, giapponesi russi austriaci tedeschi vengono per i musei, le chiese, i panorami ma anche per cibi e piatti, vini e spumanti. Mi auguro proprio che questo governo ci ripensi, anche perché sono sicuro che si stia alienando le più sincere simpatie(e perdendone i voti)".

Edoardo Raspelli, dal 1971,per dieci anni, cronista di nera, dal 1975 recensisce ristoranti "inaspettato cliente qualunque pagante" come gli ordinò Cesare Lanza, direttore dell'edizione pomeridiana del Corriere della Sera, il Corriere d'Informazione. Dal 3 aprile 1986 la sua rubrica è sul quotidiano di Torino La Stampa. La sua firma appare sui periodici Ora ed Adesso ,oltre che sul suo digitale gratuito RASPELLIMAGAZINE. E' stato tra i fondatori del Gambero Rosso e delle Guide dell'Espresso. Ha lavorato in video parlando di gastronomia su RAI 2 ed a PIACERE RAI 1.Ha condotto 614 puntate di Melaverde, prima su Rete4 poi su Canale 5.








  Altre in "Società"