Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Sabato 16 gennaio 2021    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - SocietàStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

08 Gennaio 2021
Veglia di Animal Save Movement presso il mattatoio di Pagani
di Stefania Castella



Veglia di Animal Save Movement presso il mattatoio di Pagani
Animal Save Movement

11 Gennaio 2021

Pagani stabilimento alimentari Sorrentino.

La mattina del’11 gennaio 2021 gli attivisti e le attiviste di Napoli Animal Save e Salerno Animal Save, tenteranno di empatizzare con gli animali mandati al macello allo stabilimento alimentare Sorrentino a Pagani. La veglia è una manifestazione pacifica per poter sensibilizzare l’opinione pubblica verso la sofferenza di queste specie destinate a una morte cruenta. Gli attivisti e le attiviste proveranno a rallentare i camion che trasportano gli animali verso i mattatoi per potersi relazionare con loro con compassione e offrendogli da bere. Questo perché durante il viaggio gli animali sono ammassati e costretti a stare per molte ore in piedi senza mangiare e bere, stremati, sofferenti e soprattutto impauriti. È un gesto di affetto verso gli animali che, a causa del destino che l’uomo ha scelto per loro, non hanno la possibilità di poter vivere secondo la loro natura. L’attivista durante le veglie cerca di porre i riflettori verso i macelli posti strategicamente al di fuori delle città. La legge di mercato non mostra la realtà per tutelare gli interessi dell’industria zootecnica. Tante persone comprano al supermercato senza fare un collegamento tra il pezzo di carne imballato e l’essere vivente da cui si ottiene il “prodotto”. Le foto degli sguardi esausti e tristi, catturati attraverso le sbarre ai lati del camion, permettono di testimoniare e rimuovere quella barriera che divide il consumatore dall’animale oggettivato, oltre che esprimere il dissenso contro un sistema malato che sfrutta e non riconosce i diritti animali. Sensibilizzare le persone ad empatizzare con animali quali mucche, maiali, polli, e in genere tutti gli animali da macello, aiuta a non percepirli come oggetti, ma come esseri senzienti. Questa azione è quindi un modo per informare sulla condizione della schiavitù animale, con l’auspicio di una liberazione animale attraverso un attivismo pacifico e non violento. Solo mostrando la verità, sempre più persone possono diventare consapevoli e pronti a cambiare.

“Quando guardiamo il mondo attraverso gli occhi di un altro animale, dobbiamo renderci conto che dentro siamo tutti uguali, e quindi tutti meritano di vivere liberi dalla sofferenza”- Joaquin Phoenix.








  Altre in "Società"