Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Martedì 21 maggio 2019    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Hi-TechAlla Drobyazko

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

15 Agosto 2018
Ecco Apa, la tecnologia italiana per un\'aria pulita
di Alla Drobyazko


Ecco Apa, la tecnologia italiana per un\'aria pulitaSi chiama Apa, acronimo che sta per Air Pollution Abatement, o meglio Abbattimento polveri atmosferiche, ed è una tecnologia italiana che la Commissione europea ha certificato come progetto di eccellenza nell’ambito del programma Horizon 2020.

Verrà commercializzata dall’azienda Is Clean Air e si pone come obiettivo quello di purificare l’aria nelle zone in cui verrà utilizzata, specificamente in un raggio di 25-28 metri dello spazio circostante. Per far questo sfrutta l’acqua e si avvale di tre processi chimico-fisico-meccanici differenti, con i quali riesce ad eliminare la maggior parte degli inquinanti presenti nell’aria che respiriamo tutti i giorni.

Difetti? Pare non averne nessuno: è di semplice fabbricazione e installazione, ha dimensioni e costi ridotti e non produce alcun particolare rifiuto.

Non solo. Giuseppe Spanto, amministratore delegato di Is Tech,  di cui Is Clean Air è una controllata, ha annunciato che tra le varie iniziative in programma vi è anche l’avvio di un progetto a Roma per la creazione della prima scuola "clean air". Secondo l’accordo che l’azienda ha firmato con il Municipio XI di Roma Capitale, nel mese di aprile verranno installati tre dispositivi Apa Large presso l’istituto scolastico Bagnera. "L’intervento, nel suo complesso, mira a sensibilizzare insegnanti, alunni e genitori sull’importanza di respirare aria pulita, e sulla necessità di essere attenti, attivi e propositivi per non subire i danni da smog, oltre che quelli derivanti dal mancato agire che influenzano negativamente pure altri aspetti sociali", ha spiegato.







  Altre in "Hi-Tech"