Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Domenica 20 gennaio 2019    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Hi-TechGaia Massano

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

16 Marzo 2017
Una mezz'ora al giorno leva il medico di torno
di Gaia Massano


Una mezz'ora al giorno leva il medico di tornoIl detto è diverso, ma la sostanza è la stessa. Lo sanno tutti: una buona nutrizione accompagnata da un sano esercizio fisico quotidiano sono le chiavi per mantenere un ottimo stato di salute. Il problema è che, tra faccende e impegni, il tempo a disposizione è sempre invariabilmente troppo poco e, da quanto risulta dalle statistiche, almeno due terzi della popolazione non si prende cura di sé come dovrebbe.

Secondo uno studio condotto dal British Heart Foundation su un campione di 2.000 persone, il 44% degli adulti affermano di essere semplicemente "troppo occupati" per fare esercizio fisico anche solo quei trenta minuti. Il 93% degli intervistati ha confessato di avere almeno un vizio dannoso per la salute, anche se almeno i tre quarti di loro considerino ciononostante di essere in perfetta forma fisica. Eccedere con le bevande alcoliche, indulgere con il fumo, non mangiare abbastanza frutta e verdura né consumare i pasti regolarmente sono alcuni tra gli "strappi" a cui si indulge maggiormente.

"Sembra che la popolazione adulta non abbia interesse a svolgere dell’attività fisica o a condurre uno stile di vita sano", afferma il dottor Mike Knapton, uno dei medici che hanno partecipato allo studio. "Il problema più grande è il fatto che le persone non prendono l’iniziativa e non danno il buon esempio ai figli".

La risposta spesso è che sono i ritmi richiesti dal mercato del lavoro o dalla struttura delle realtà urbane ad imporre altre regole. Quante volte di fronte alla situazione di un pendolare o anche solo di una persona che vive in una grande metropoli non si può fare a meno di comprendere che, di fatto, tornare a casa alle 21 e poi mettersi a cucinare o fare qualche flessione è spesso tremendamente stancante? Forse allora il problema non è tanto cambiare abitudini alimentari o sportive, ma lavoro.






  Altre in "Hi-Tech"