Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Venerdì 14 maggio 2021    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - SocietàStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

15 Febbraio 2021
Napoli Animal Save e la veglia presso un macello di Pompei. Protesta pacifica per difendere gli animali
di Stefania Castella



Napoli Animal Save e la veglia presso un macello di Pompei. Protesta pacifica per difendere gli animali
Napoli Animal Save

La mattina di lunedì 15 febbraio 2021 gli attivisti e le attiviste di Napoli Animal Save,

hanno tenuto la loro veglia presso il macello C.s.m. Soc. Coop. A.r.l., a Pompei. La veglia è

una forma di protesta politica di tipo pacifica, che ha come fine quello di dare agli

animali un ultimo saluto e testimoniare la loro sofferenza.

Tale azione si prefigge di accendere i riflettori sul macello, ovvero il luogo dove avviene lo

smembramento istituzionalizzato di corpi. In tale luogo vengono sacrificati

materialmente gli altri in quanto animali, in modo da permette all'Uomo di

assumere l’imperante posizione di soggetto. Per questo motivo, possiamo

considerare a tutti gli effetti il macello come un apparato di una più grande e

complessa “Struttura sacrificale”. I macelli sono appositamente posti al di fuori delle

città, per non far vedere l'orrore che si cela dietro la produzione della carne. In

questo modo, tante persone comprano al supermercato senza fare un collegamento

tra il pezzo di carne imballato e l’essere vivente da cui si è ottenuto il “prodotto”.

Dunque, soltanto le immagini di sguardi esausti e tristi, dietro le sbarre dei camion

sovraccarichi, permettono di mostrare lo strazio patito da questi animali, in modo da

provare a rimuovere le differenze che dividono il consumatore dall’animale

oggettivato. Sensibilizzare le persone in merito alla natura senziente degli animali, le

può aiutare a non percepire questi ultimi come oggetti, ma come esseri viventi.

Questa azione quindi è un modo per informare sulla condizione della schiavitù in cui

riversano gli animali, con l’auspicio di una loro liberazione totale attraverso un

attivismo pacifico e non violento. Solo mostrando la verità, sempre più persone

 

possono diventare consapevoli e disposte a cambiare.

 








  Altre in "Società"