Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Martedì 05 luglio 2022    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - SocietàStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

10 Maggio 2022
Canto del vuoto cavo. La nuova silloge di Francesca Innocenzi
di Stefania Castella



Canto del vuoto cavo. La nuova silloge di Francesca Innocenzi
F. Innocenzi

"Canto del vuoto cavo" (Transeuropea Edizioni) esaltazione della parola, flashback che mostrano e nascondono, parole come attimi e allucinazioni, è la nuova silloge composta da sessanta liriche di Francesca Innocenzi che attraverso lo schema dell’haiku e delle sue varianti, costruisce i suoi canti che risuonano in più lingue, ricercando quella bellezza che avrebbe la perfezione di una lingua universale. Nel pozzo di desiderio millimetricamente misurato, la libertà della solitudine individuale e collettiva, lo spazio interiore da preservare e coltivare, la piena come di un fiume che s’ingrossa di vita e il vuoto della deriva sociale. Nessun Io, nessun fulcro da ego primeggiante Canto del vuoto cavo è tutti, è possibilità, è itinerario, immagini, riflessioni, in una parola sola -Poesia- nella sua eccezione più pura quella che aiuta a esplorare l’indefinito spesso sotto gli occhi di ognuno e ugualmente sconosciuto.

 

 

Francesca Innocenzi è nata a Jesi (Ancona). È laureata in lettere classiche e dottore di ricerca in poesia e cultura greca e latina di età tardoantica. Attualmente insegna nella scuola secondaria di secondo grado. Ha pubblicato la raccolta di prose liriche Il viaggio dello scorpione (2005); la raccolta di racconti Un applauso per l’attore (2007); le sillogi poetiche Giocosamente il nulla (2007), Cerimonia del commiato (2012), Non chiedere parola (2019), Canto del vuoto cavo (2021); il saggio Il daimon in Giamblico e la demonologia greco-romana (2011); il romanzo Sole di stagione (2018). Ha diretto collane di poesia e curato alcune pubblicazioni antologiche, tra cui Versi dal silenzio. La poesia dei Rom (2007); L’identità sommersa. Antologia di poeti Rom (2010); Il rifugio dell’aria. Poeti delle Marche (2010). È redattrice del trimestrale di poesia «Il Mangiaparole» e collabora con il sito letterario Poesiadelnostrotempo. Ha ideato e dirige il Premio letterario Paesaggio interiore.








  Altre in "Società"