Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Domenica 14 luglio 2024    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - ArteAlice de Carli Enrico

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

08 Luglio 2024
Italo Cremona: l'universo notturno di un artista visionario
di Alice de Carli Enrico


Italo Cremona: l'universo notturno di un artista visionarioTORINO - La GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino una mostra antologica all'opera e all'universo creativo di Italo Cremona, in programma fino all'8 settembre 2024. Curata da Giorgina Bertolino, Daniela Ferrari ed Elena Volpato, la mostra è frutto di una collaborazione con il Mart di Rovereto, dove verrà ospitata dal 18 ottobre 2024 al 26 gennaio 2025.

La mostra ripercorre l'intera produzione dell'artista, dalle prime opere giovanili degli anni Venti fino a quelle della prima metà degli anni Settanta, ed è stata intitolata Tutto il resto è profonda notte. L’espressione deriva da una frase che Cremona aveva usato in uno dei testi scritti per la rubrica Acetilene, pubblicata negli anni ’50 sulla rivista Paragone, ed è stata scelta per esprimere e dare risalto soprattutto alla dimensione espressiva e filosofica del notturno, tema ricorrente nelle opere di Cremona, che amava esplorare sogni, incubi, apparizioni e immagini fantastiche.

L'esposizione comprende un centinaio di dipinti, disegni e incisioni, documentando la qualità pittorica di Cremona e la sua originalità. Le opere provengono dalla collezione della GAM, arricchita nel tempo grazie al contributo della Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris e da prestiti da musei come il Mart, i Musei Civici Luigi Barni di Vigevano, l’Accademia Albertina di Belle Arti e i Musei Reali - Galleria Sabauda di Torino. Numerose opere provengono anche da collezioni private e istituzioni come il Museo Casa Mollino, l’Archivio Salvo, la Collezione Bottari Lattes e la Collezione Rai di Torino.

Il percorso espositivo è strutturato in nove sale tematiche che mettono in luce vari aspetti dell'arte di Cremona, come Specchio, Trofei, Spoglie, Metamorfosi, Follie, Golem, Corpi, Quinte e Apparizioni. In ognuna viene rispettato l’ordine cronologico, ma riavvolgendosi ogni volta per riproporsi e focalizzare l’attenzione su un tema creativo diverso caro all’artista.

Tra questi temi compare anche quello delle architetture torinesi, che in Quinte diventano gli scenari di un teatro cittadino segreto, esplorato da Cremona attraverso la sua sensibilità e la sua esperienza della città. "Nei miei quadri c’è sempre qualcosa che tappa. Un tappo che chiude", spiegava durante un’intervista del 1973 a Enzo Siciliano.

L'esposizione è accompagnata da un catalogo edito da Allemandi, con saggi delle curatrici e un ricco corredo iconografico.

Tutto il resto è profonda notte rappresenta un'importante operazione di recupero e valorizzazione dell'arte del primo Novecento, riportando sotto i riflettori la figura di Italo Cremona, artista poliedrico e anticonformista, capace di spaziare tra pittura, letteratura e cinema, e di reinterpretare il Novecento con uno stile unico e visionario.

Tutto il resto è profonda notte
GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino
Via Magenta, 31 - Torino
24 aprile - 15 settembre 2024
info: www.gamtorino.it
 
 







  Altre in "Arte"