Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Martedì 01 dicembre 2020    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - Cinema e spettacoloStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

14 Novembre 2020
Le Storie di Melaverde con Edoardo Raspelli in Calabria tra gli olivi ciclopici
di Stefania Castella



Le Storie di Melaverde con Edoardo Raspelli in Calabria tra gli olivi ciclopici
Edoardo Raspelli ph Elena Tiraboschi

Un'altra domenica in compagnia del Cronista della Gastronomia

Domenica 15 novembre alle 11.20 a Canale 5 per Le Storie di Melaverde

Domenica 15 novembre dalle 11.20 su Canale 5, per Le Storie di Melaverde , Edoardo Raspelli ci porta di nuovo in Calabria, tra le colline che dividono le pianure che partono dal mare, dalle selvagge montagne dell'Aspromonte, in provincia di Reggio Calabria. Un territorio completamente ricoperto da migliaia di ettari di foreste di ulivi. Ulivi millenari, con tronchi anche di quattro metri di diametro , alti fino a 30 metri e forse più, in grado di produrre fino a 3 quintali di olive. Uliveti un tempo destinati alla produzione del "lampante", olio utilizzato soprattutto per l'alimentazione delle lanterne ad olio e per la produzione di oli raffinati di scarso valore qualitativo, eoggiinvece base di un'economia locale in grado di produrre oli extravergine di altissimo pregio. Tecnologia, conoscenza, esperienza, passione, sono i fattori che hanno trasformato l'olivicoltura calabrese, grazie a uomini e donne che sono stati in grado di valorizzare al massimo questo patrimonio unico al mondo. Con Edoardo Raspelli, "il cronista della gastronomia", si vedrà tutto il ciclo produttivo dalla raccolta molto particolare delle olive alla produzione dell'olio extravergine Calabria IGP. Ma ci saranno anche altre bellissime curiosità in questa replica. Una artista che realizza meravigliosi gioielli con tanti prodotti naturali come i noccioli di oliva. Un giardino unico, dove una coppia di appassionati, coltiva e colleziona frutti molto particolari, come l'anona di Reggio Calabria, altro frutto storico del territorio, insieme a tanti altri frutti tropicali che di fronte al mare di Reggio hanno trovato il loro habitat ideale.








  Altre in "Cinema e spettacolo"