Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Domenica 25 febbraio 2024    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - MusicaStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

03 Novembre 2023
Formoso Therapy Show l'evento interattivo di Adriano Formoso
di Stefania Castella



Formoso Therapy Show l'evento interattivo di Adriano Formoso
A. Formoso ph. M. Marone

 

 Il Formoso Therapy Show è un evento polivalente. E’ un concerto ma anche uno spettacolo interattivo con il pubblico scritto e interpretato da Adriano Formoso, musicista, cantautore, psicologo, psicoterapeuta, life coach, scrittore e opinionista radiotelevisivo. Partecipare al Formoso Therapy Show è una piacevole e allegra esperienza per intervenire sulle proprie convinzioni e atteggiamenti limitanti, un’esperienza che aiuta lo spettatore ad affrontare al meglio il nuovo, trasformare in energia la paura del cambiamento e migliorare le proprie relazioni e la propria crescita personale. La partecipazione, oltre all’ascolto delle musiche neuropsicofoniche e le canzoni del poliedrico cantautore è utile soprattutto in quei momenti della vita in cui ci si ritrova a dover prendere decisioni importanti o affrontare grandi cambiamenti. E’ un evento che offre un supporto esterno per trovare la direzione giusta e la motivazione necessaria a raggiungere i propri obiettivi. Uno spettacolo musicale ispirato al mondo della psicologia e della psicoterapia. Lo psicologo ricercatore, psicoterapeuta e cantautore utilizza le sue canzoni e le sue musiche parlando al suo pubblico. È un approccio didattico e artistico innovativo il cui significato semantico è quello di veicolare concetti della psicologia e della psicoterapia. Il risultato? Un aumento della consapevolezza degli spettatori che vengono quidati verso la lettura e la rielaborazione di tematiche relative al loro vissuto. Adriano Formoso fornisce una serie di strumenti utili per la famiglia e la comprensione e gestione delle relazioni. Soprattutto con gli attuali adolescenti e i giovani dell'era digitale post-covid. Da questa esperienza teatrale si acquisiscono conoscenze che potenziano il proprio benessere fisico e mentale migliorando la relazione con sé e con gli altri all'insegna dei valori importanti della vita. E' un evento artistico e scientifico nel quale lo spettatore diventa protagonista e lo psicoterapeuta diventa musicista e cantautore. È un concerto in cui la musica dal vivo facilita risposte collettive amplificando le emozioni e rendendo lo show un momento di felicità ed energia. Il Formoso Therapy Show e il primo spettacolo terapeutico che informa e arricchisce lo spettatore. Nasce dall'unione feconda tra la formazione psicologica e analitica di gruppo con l'arte e, in particolare con la musica neuropsicofonica e il rock. La Neuropsicofonia® e lo studio degli effetti di determinate stimolazioni acustiche sul cervello e sul corpo umano. Rappresenta una modalità di approccio alla persona che utilizza particolari suoni, frequenze acustiche e toni binaurali come strumento di stimolazione delle cellule nervose  e sistema endocrino. Rappresenta un modello di sviluppo della musicoterapia ricettiva. Nel Formoso Therapy Show la performance e un alternarsi di interventi psicologici, brani cantati e suonati dal vIvo con particolari caratteristiche sia sul piano del suono che del testo e attivazioni del pubblico che è portato a profonde riflessioni su di sé, la propria situazione emotivo-relazionale, il rapporto con il proprio bambino interiore, la famiglia, gli affetti. Uno spettacolo da cui uscire cresciuti in consapevolezza e autenticità.

 

Creato e Interpretato da: Adriano Formoso 

Scrittura: Adriano Formoso

Regia: Adriano Formoso e Samuel M. Zucchiati

 

Note d'Autore

Adriano Formoso è un cantautore italiano, psicologo psicoterapeuta psicoanalista di gruppo e omeopata-naturopata. Vive e lavora a Milano alternando la professione clinica e di docente universitario a quella di opinionista per giornali, riviste, radio e televisioni nazionali. Da cantautore ha pubblicato due album "Obiezioni di coscienza" RTI Music nel 2000 e "Cosa suona il mondo" Columbia Sony Music nel 2004. La sua musica spazia dal rock al blues alla musica etnica contaminata da sonorità standardizzate nella sua ricerca iniziata nei primi anni 2000 sulla relazione tra musica e cervello. I suoi brani hanno avuto un percorso evolutivo sino a diventare strumento imprescindibile delle terapie con i suoi pazienti. Ha dedicato la sua vita all’arte e alla salute mentale anche attraverso il teatro, la pittura, la scrittura e la musica. Da ragazzo è stato animatore nei villaggi turistici e ha suonato in vari locali milanesi. Dopo corsi di recitazione e l’esperienza presso l’accademia filodrammatica, ottiene ruoli in compagnie teatrali portando in scena opere di Oscar Wilde e Bernard Shaw. La sua prima esperienza televisiva è stata da caratterista nella trasmissione Dj television Fan Club in onda su Italia 1. Nel 1997 è stato uno dei giovani finalisti dell’accademia musicale di Sanremo che gli ha consentito l’incontro con Luigi Albertelli, Augusto Martelli e Maurizio Carish determinanti per la pubblicazione del suo primo album. Nella sua vita professionale ha lavorato per l’IPM “C.Beccaria” di Milano, nei servizi territoriali per le dipendenze, come psicologo delegato di reparto in ostetricia e ginecologia, ed è stato ideatore e conduttore del gruppo di Neuropsicofonia presso il CPS di Corsico. Nel 2018 pubblica un libro e un album musicale dal titolo "Nascere a tempo di Rock", un'opera divulgativa e informativa sull'importanza della Neuropsicofonia sin dal concepimento.Il libro è stato presentato al Salone Internazionale del Libro di Torino nel 2018. A Dicembre 2019 pubblica “Non ho mai capito" un brano in cui l’artista sottolinea la visione neuropsicofonica del ritmo, fondamentale tanto quanto le linee melodiche nel riequilibrare i battiti del cuore. Le sue ricerche catturano l’interesse della televisione nazionale e la rubrica “Tutto il bello che c’è” del Tg2 di Rai 2 gli dedica un servizio sull’utilizzo clinico della sua musica con donne che si affidano ai suoi trattamenti per problemi di infertilità e durante la gravidanza per lo sviluppo del bambino attraverso gli effetti benevoli della Neuropsicofonia. Sarà ospite del Tg2 a “Lavori in corso”, parteciperà come opinionista a Rai Uno estate nel programma “Quelle brave ragazze”. Partecipa a “I soliti ignoti” di Rai 1 in cui viene denominato “Terapeuta musicale” e invitato in altre trasmissioni televisive e radiofoniche. E’ stato intervistato da affermati critici musicali tra cui Dario Salvadori e Red Ronnie interessato a come l’artista e l’uomo di scienza riuscisse con le sue musiche ad indurre il rivolgimento nel grembo del bambino podalico. Dopo essere stato colpito dal covid19 in forma grave, scrive "Non m'hai mai", il video del brano è stato autoprodotto grazie al contributo amichevole dei registi Luigi Ferreri e Claude Lelouch e la sua pubblicazione segnerà l’inizio di una collaborazione televisiva di Adriano Formoso su Rai 2 dal titolo “Pillole di Canzoneterapia e Neuropsicofonia” all’interno di “Tutto il bello che c’è” , rubrica settimanale del Tg2. Adriano Formoso ha continuato a scrivere musica con strumenti accordati a 432 Hz consapevole di come l’essere umano sia di per sé un’orchestra semovente, col suo organismo complesso che risuona all’interno di un ambiente sociale fatto di innumerevoli orchestre. La canzoneterapia, come Formoso ama definirla, affonda le sue radici negli assunti di base della Neuropsicofonia, disciplina che è frutto della sua ricerca clinica decennale sulla relazione tra suono, frequenza, armonia e cervello. Durante la pandemia si espone in prima linea nel sostegno psicologico a pazienti ricoverati, medici e infermieri, portando con sé attrezzature per l’utilizzo ausiliario delle sue musiche neuropsicofoniche utili alla vascolarizzazione periferica e la gestione della respirazione consapevole affrontando l’abbassamento del livello di ossigeno nel paziente. Nel 2023 Formoso realizza il suo desiderio di offrire al pubblico strumenti utili al miglioramento del proprio stato di salute psicofisiologico attraverso uno spettacolo breakthrough che genera consapevolezza e crescita personale nello spettatore. Scrive il Formoso Therapy Show un evento musicale-terapeutico ispirato al mondo della psicologia e della psicoterapia, uno spettacolo che informa e arricchisce lo spettatore. Il format nasce dalle varie contaminazioni avvenute nel percorso di Adriano Formoso e dall'unione feconda tra la formazione analitica di gruppo con l'arte e in particolare con la musica neuropsicofonica e il rock. Il 30 Giugno 2023 il Formoso Therapy Show ha debuttato al teatro San Babila di Milano. La notevole affluenza di pubblico ha confermato il valore sociale e artistico dell'evento e l'interesse delle persone per i temi che riguardano il benessere psicologico, le relazioni e la comunicazione. Nell’occasione l’artista milanese di origine Arbëreshë ha presentato il nuovo singolo “Di vento – Adolescenza e Bowlby 432 Hz”. Con questa ultima produzione Adriano Formoso invita a riflettere sugli stili di attaccamento e di come questi condizionino lo sviluppo dei bambini e caratterizzino il loro diventare adulti. Il viaggio del Dottore che cura l’anima con la musica riparte dopo l’evento andato in scena al teatro San Babila, sostenuto dalla sua personale motivazione che lui stesso descrive cosi:“Viviamo in un mondo preso in prestito da quelli che verranno e tutto quello che ho acquisito nella vita attraverso studi, ricerche e apprendimento dall’esperienza, vorrei condividerlo con le persone che incontro. Alla fine di questo viaggio terreno vorrei lasciare a qualcuno una testimonianza di quello che ho elaborato attraverso il mio lavoro e la mia esperienza umana, sia in ambito clinico che artistico, un’esperienza che ho accolto sin da bambino come un dono divino di passaggio attraverso me. Così ho voluto realizzare qualcosa di spettacolare per incontrare e offrire agli altri quanto ritengo prezioso, indipendentemente dal sano narcisismo dell’artista, la sua fame di notorietà e di palcoscenico”

 

https://www.adrianoformoso.com








  Altre in "Musica"