Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Lunedì 26 luglio 2021    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - SocietàFrancesco Pisani

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

13 Ottobre 2020
Salone nautica di Genova 2020: un grande successo italiano.
di Francesco Pisani



Salone nautica di Genova 2020: un grande successo italiano.
genova

In questo anno così particolare dove la maggior parte dei saloni sono stati annullati per motivi sanitari ha destato un positivo stupore il fatto di aver visto confermato il salone nautico di Genova.

Il pubblico, come era prevedibile, ha risposto molto bene a questa opportunità. Parcheggi pieni e nonostante i controlli all’ingresso code accettabili e ben gestite.

Venendo al salone, erano presenti molti nomi prestigiosi della nautica come Sunseeker e il gruppo italiano Azimut-Benetti con splendide barche. Le potete ammirare nella foto allegata.

Complice un tempo soleggiato anche se ventoso, abbiamo potuto godere di tutt L bellezza di questi splendidi yachts.

Presenti poi barche a vela sia tradizionali che catamarano  e nell’ampio spazio dedicato ai gommoni erano presenti alcuni tra i nomi più importanti.

Nella zona coperta del salone dominava lo spazio dedicato ad Azimut ma a farla da padrone erano gli stand dei big di questo mondo. Yamaha Suzuky e Selva non si sono risparmiati. Hanno infatti portato un ampia selezione dei loro modelli sia di motori, compresi gli splendidi 8 cilindri da oltre 400 cv, sia una bella gamma di moto d’acqua, gommoni e scafi di varie metrature.

Lo stand di Selva ci ha stupiti per completezza della gamma presentata e per la ampia esposizione di motori presenti. Davvero si passava dai piccoli motori da tender fino a potenze e dimensioni significative.

Una citazione va fatta anche per i motori mercury da sempre top nel panorama mondiale. Anche sui non mancava la scelta dai piccoli 4 cilindri fino a un bellissimo i cilindri che troneggiava all’interno dello stand.

Il resto del salone era dedicato all’indotto. Si potevano ammirare gli ormai immancabili SUP, bellissime bici marine a pedalata assistita, galleggianti ed ogni sorta di supporto desiderato per la propria barca.

Infine, come era logico aspettarsi in Italia, una ampia scelta di stand per il cibo.

Insomma un salone completo e ricco di spunti per addetti ai lavori e non.

Un successo di pubblico e un segno importante di riscossa.








  Altre in "Società"