Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Sabato 19 settembre 2020    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - TeatroStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

09 Settembre 2020
Ludwig Van Beethoven al Museo Nazionale Terme di Diocleziano
di Stefania Castella



Ludwig Van Beethoven al Museo Nazionale Terme di Diocleziano
La locandina di LVB

Il 10 settembre al Museo Nazionale Romano - Terme di Diocleziano ore 20,30, sarà rappresentata la lettura scenica LvB di Jacopo Squizzato, con protagonisti Stefania Ventura e Luca Negroni, in occasione del 250° Anniversario della nascita del compositore.. Lo spettacolo è prodotto dalla Golden Show con il contributo del MIBACT e il Patrocinio dell'Ambasciata di Germania a Roma.

Lo spettacolo verrà replicato nelle sedi del Museo Nazionale Romano nei mesi di settembre ed ottobre. Accogliamo le celebrazioni dell’anno beethoveniano come una preziosa occasione di unione transnazionale capace di riportare l’attenzione del pubblico ai valori della casa comune europea. Un progetto di drammaturgia contemporanea con le musiche di Beethoven, che vedrà come protagonisti un attore e un’attrice di prosa . Rileggendo le pagine più dense della vicenda biografica di Ludwig Van Beethoven è emersa un’Europa dilaniata dalle guerre e che vedeva cittadini isolati nelle loro particolarità territoriali e nazionali. Con la sua musica Beethoven fu in grado di cantarne la paura e la gioia con una maestria compositiva senza pari. Se la musica è la più immateriale delle arti, il teatro è di certo la forma artistica più fisica e corporale che esista. Il testo scritto e diretto da Jacopo Squizzato racconterà la vicenda biografica del compositore in dialogo diretto con la storia europea. L’Europa sarà letteralmente in scena, verrà difatti interpretata da Stefania Ventura . Non mancheranno momenti ironici e comici in cui assisteremo ai giochi della politica del tempo che spesso ha misconosciuto i propri artisti. Il gioco teatrale consiste nel mettere in relazione il mondo interiore di chi la musica l'ha scritta e di chi la musica la sta ascoltando. Attenzione, non si tratta di una specie di guida all’ascolto travestita da spettacolo, tutt'altro. Trattandosi di una lettura in forma scenica il testo è stato scritto con un marcato impianto narrativo, in modo di accompagnare l’immaginazione dello spettatore attraverso la musica, la voce e il corpo degli attori. regia e drammaturgia di Jacopo Squizzato con Stefania Ventura e Luca Negroni

Dal 10 settembre al Museo Nazionale Romano

Costo del Biglietto € 5,00

Prenotazione obbligatoria € 2,00








  Altre in "Teatro"