Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Giovedì 23 settembre 2021    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - TeatroStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

25 Luglio 2021
Teramo Antonella Ferrari successo in scena con Più forte di prima
di Stefania Castella



Teramo Antonella Ferrari successo in scena con Più forte di prima
Antonella Ferrari

Dopo aver festeggiato vent’anni di carriera nel corso dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, Antonella Ferrari ha riabbracciato il suo pubblico a Teramo questo sabato 24 luglio. L'attrice è stata  la protagonista della quinta edizione di Donne Summer, rassegna culturale organizzata dall’associazione Big Match, inserita all’interno del cartellone di Teramo Natura Indomita. L’evento tenutosi nell’area del Parco Fluviale ha visto  Antonella Ferrari proporre per l'occasione  lo spettacolo “Più forte del destino”, che comprende anche il monologo che sul palco dell’Ariston ha ottenuto un eccellente picco d’ascolti e numerosi elogi da parte della critica.

Dopo il grande successo del libro pubblicato nel 2012 da Mondadori, “Più forte del destino” ha ottenuto altrettanti positivi riscontri nel corso di una lunghissima tournée in lungo e in largo per l’Italia, interrotta dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus. In questo suo attesissimo ritorno sul palco, Antonella racconta non senza emozionare, la sua storia, la sua lotta, la sua vita vissuta pienamente. Mai con  toni drammatici,  al contrario, raccontandosi in modo ironico e divertente per un totale di circa settanta minuti. Lo spettacolo porta sul palcoscenico la disabilità, tema poco trattato dai registi teatrali, senza renderla però la protagonista assoluta piuttosto  una comprimaria raccontata con la leggerezza degna di una commedia agrodolce. La sclerosi multipla è una malattia invalidante che colpisce il sistema nervoso centrale e che affligge, soprattutto i giovani con un’incidenza sulle donne del doppio rispetto agli uomini. Parlarne, raccontarla. portarla su un palco è un modo per guardare in faccia certi angoli di difficoltà che condivisi possono essere più leggeri.

 

Quale modo migliore del teatro per sensibilizzare su un tema cosi delicato?

 








  Altre in "Teatro"