Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Domenica 26 gennaio 2020    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - LibriStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

08 Gennaio 2020
Il corpo del peccato. Il nuovo romanzo di silvia di Giacomo
di Stefania Castella



Il corpo del peccato. Il nuovo romanzo di silvia di Giacomo
Il Corpo del Peccato di Silvia Di Giacomo

Il personaggio che mancava al noir bolognese. Solo l'eclettica Silvia Di Giacomo l'avrebbe potuto inventare.

Gianluca Morozzi

Il Commissario Claudio Degli Esposti è un investigatore dotato di intelligenza e sensibilità rare, ma è anche un uomo tormentato dai propri demoni, da una sofferenza profonda che gli offre una visone dolorosa del mondo. Per trovare l’assassino di una donna appartenente alla ricca borghesia si muove in una Bologna notturna, a tinte fosche, tra locali malfamati e a contatto con sfruttatori e schiave del sesso. Mentre Claudio Degli Esposti è costretto ad affrontare i propri abissi, la città è sconvolta da altri eventi delittuosi che sembrano tutti legatial Rose Night e ai due proprietari malavitosi. I segreti della vita personale del poliziotto irrompono così nell’indagine e la sua pericolosa relazione sentimentale può trasformarsi in una trappola mortale. Un intrigo di eroi e antieroi. Una storia di vite che si intrecciano, di corpi femminili sfruttati, abusati e privati della libertà; ma anche un viaggio verso la luce, il riscatto, a qualsiasi costo, e la vendetta.

La telefonata era stata rapida e cordiale, e Giulio Santi aveva dato appuntamento a Claudio in piazzetta Mickiewicz, subito dopo ponte Libia. L’ispettore parcheggiò lo scooter dietro l’auto dei carabinieri e si guardò attorno. Amava quella zona della città. La rotonda alberata era circondata da palazzi in rosso bolognese, nati come edilizia popolare di quattro piani, ristrutturati e ben tenuti. Si trattava di uno snodo in cui confluiva, a causa di una serie di corsie preferenziali, tutto il traffico in uscita da porta San Donato e diretto verso la fiera e la tangenziale. Ma era proprio il restringersi della via che dava l’idea di essere in un paese e non in città. Ponte Libia, stretto e ripido dominava la piazza. I muri di protezione bianchi avevano un che di claustrofobico e antico.

Silvia Di Giacomo

Classe ’74, vive e lavora a Bologna come gemmologa. Dopo aver frequentato i corsi di scrittura creativa di Gianluca Morozzi esordisce nel 2015 con un racconto per l’antologia “Cadute”, edita da Fernandel. A ottobre 2017 esce il suo primo romanzo "Lo stato di Dio", pubblicato da Foschi Editore. Nel 2018 partecipa alle antologie “Tempo” e “Blu”, Clown Bianco Editore. A marzo 2019 pubblica il noir per ragazzi "L’amico virtuale", edito da Lisciani Libri. A luglio 2019 partecipa all’antologia “Gli incantautori”, per D Editore. Insieme a Gianluca Morozzi è stata direttrice artistica dell’edizione 2018 del festival “Note di carta”.

In libreria dal 13 febbraio

Il corpo del peccato

di Silvia Di Giacomo

Foschi Editore Euro 14 Pagg. 272








  Altre in "Libri"