Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Venerdì 23 ottobre 2020    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - LibriStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

29 Settembre 2020
Franco Toro. Il nuovo romanzo di Dario Neron
di Stefania Castella



Franco Toro. Il nuovo romanzo di  Dario Neron
Dario Neron ph Carlo Rusca

 “Quanto può durare un sogno prima di diventare un incubo e svelare il mostro in attesa alla sua fine?” In libreria e in digitale “FRANCO TORO”, il nuovo romanzo di DARIO NERON, pubblicato da Castelvecchi editore.

Franco Toro - l’uomo più bello del mondo (frase da intendersi come ironica) è la storia di un callboy, quindi di un uomo che di professione fa la prostituta. Al contrario di quanto si possa credere, conoscendo l’argomento, qui non viene raccontata una storia erotica o di sesso, bensì, in modo silenzioso e sottinteso, la storia di due giovani, Franco ed Esse, che da soli si trovano alle prime armi con le domande e le incertezze dell’amore. E, sul fronte opposto, quello principale dove si svolge la trama del romanzo, pure la storia di un giovane, Franco. Cosciente dei propri errori e degli sbagli commessi, senza trovare la forza, o la voglia, di correggerli, vivendo in una città satura di distrazioni dove, proprio grazie a questi errori, piovono soldi e successo. Fedele allo stile del primo romanzo, quest’opera seconda racconta una storia esistenziale, con un linguaggio fresco e giovanile, un ritmo veloce. A tratti pure tragica portando a riflettere su temi d’attualità sociale, come il narcisismo, la mediatizzazione eccessiva e l’egocentrismo di una gioventù dal futuro, purtroppo, più incerto che mai. Egocentrismo impiegato come scudo di fronte alle pretese di una società tritacarne, in cui l’individuo è morto proprio perché tanto celebrato (o ricercato). Senza cascare nel volgare come la storia di un escort potrebbe fare, trova invece spazio il romanticismo, realista e a tratti naïve, mai rosa bensì raccontato con la poesia di due giovani, Franco ed Esse, e con la profondità di amicizie nate non per caso.

Dario come nasce l'idea di questo romanzo?

-Dopo Dr. Reset, che come protagonista ha avuto un vecchio alcolizzato e generalmente vedeva pochi personaggi, ho voluto scrivere una storia in cui il personaggio principale sia il perfetto opposto. In più, ho trovato piacere ad allungare la storia su più personaggi, che mi ha permesso una certa libertà. L’idea dell’escort è nata più avanti.-

Come nasce oltre questo, un tuo romanzo?

-Sono dei parti lunghi. Di solito c’è una scintilla d’ispirazione o una piccola idea. Vengono dal nulla, forse basta sentire qualcosa in radio, vedere una persona che compie una certa azione. Poi mesi più tardi, una volta che quell’immagine si è cristallizzata, inizio a scrivere. Tendo a procrastinare, quindi lo scrivere avviene poi d’un fiato, solitamente. Come una diga che si spezza perché non ce la fa più.-

Quali letture hanno ispirato o influenzato maggiormente?

-Uno dei grandi responsabili è sicuramente Henry Miller. È stato lui uno di quelli a farmi venire voglia di scrivere, a liberarmi dai dubbi e dalla cautela.-

Cosa resterà addosso alla fine delle pagine ai lettori?

-Un certo senso di malessere, credo. Siamo troppo abituati agli happy end. Il lieto fine nella cultura pop è quasi d’obbligo. Io non lo fornisco. Resterà un boccone amaro e una grande incertezza, ma forse pure una sensazione di malinconia. Quella che Franco si porta dentro e percepibile da chi legge tra le righe.-

Un progetto per il futuro?

-Fosse soltanto uno sarebbe più facile. Sto lavorando a due testi. Una raccolta di racconti – che si sta convertendo in romanzo – e il mio primo romanzo in tedesco. Essendo bilingue, questa sfida è davvero stimolante.-

Franco Toro

di Dario Neron

Castelvecchi editore

Pagine: 216

Codice ISBN: 8832829010








  Altre in "Libri"