Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Lunedì 25 ottobre 2021    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - SocietàStefania Castella

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

31 Agosto 2021
Plant Based Treaty i sistemi di produzione alimentare in prima linea nella lotta contro la crisi climatico-ecologica
di Stefania Castella



Plant Based Treaty i sistemi di produzione alimentare in prima linea nella lotta contro la crisi climatico-ecologica
Plant Based Treaty

 

In azione davanti a quasi 100 municipi in tutto il mondo per spingere le istituzioni a supportare Plant Based Treaty

 

Attivisti ed attiviste di tutto il Mexico City, Toronto, Seoul, Mumbai, Ankara ed in Italia a Como, Roma, Napoli, Salerno ed in Sicilia, per spingere le istituzioni a sostenere Plant Based Treaty. Con questa campagna popolare si mira a coinvolgere 10 milioni di individui, 10.000 organizzazioni, 10.000 imprese e 50 città entro il 2023, prima del Global Stocktake of the Paris Agreement (GST). Il musicista Moby ha appoggiato Plant Based Treaty insieme al britannico Dale Vince di Ecotricity e all'esperto IPCC Peter Carter del Climate Emergency Institute e, a livello nazionale, Sabrina Giannini, Mario Tozzi, e siamo in attesa di altre conferme e risposte.

Il trattato esorta spinge i governi a negoziare un accordo globale secondo le seguenti tre richieste:mondo chiedono oggi ai governi di mettere i sistemi alimentari in prima linea nell'affrontare la crisi climatica. Plant Based Treaty è una campagna popolare che mira a fare pressione sui governi nazionali per negoziare un trattato internazionale basato sulla transizione ad un sistema di produzione alimentare completamente vegetale.

Le azioni si stanno svolgendo fuori da quasi 100 municipi in tutto il mondo, tra cui Manchester, Bristol, Amsterdam, Lisbon, Los Angeles, Me

1.     ABBANDONARE - No ad ulteriori cambi di utilizzo delle terre, distruzione degli ecosistemi e deforestazione ai fini dell’industria zootecnica e della pesca

2.     RIDIREZIONARE - Transizione attiva dai sistemi di produzione alimentare basati sull’uso di animali a sistemi di produzione alimentari a base vegetale

3.     RIPRISTINARE - Ripristino degli ecosistemi e riforestazione della Terra

Con l'accordo di Parigi del 2015, i paesi hanno sottoscritto un patto per limitare il riscaldamento globale sotto i 2°C - preferibilmente 1,5°C - sopra i livelli preindustriali. L’eliminazione dei combustibili fossili è importante per ridurre le emissioni di gas serra ma non è sufficiente per raggiungere questo obiettivo. Plant Based Treaty mette l'attenzione sugli effetti dell'industria zootecnica che è responsabile delle emissioni tre potenti gas serra: anidride carbonica, metano e protossido d'azoto. La scienza mostra che la riduzione delle emissioni di metano è probabilmente l'unica strada percorribile per evitare che la temperatura superi i 1,5°C di surriscaldamento globale, ed è anche la più grande opportunità per rallentare il riscaldamento da qui al 2040.

L'artista internazionale Moby ha detto: "Dato che la produzione di carne e latticini è una delle cause principali dell'attuale emergenza climatica, è chiaro che non possiamo risolvere la crisi climatica senza passare alla produzione a base vegetale. Il cambiamento è imperativo, e supporto Plant Based Treaty, per gli animali, il pianeta e la salute umana".

Anita Krajnc, coordinatrice internazionale della campagna Plant Based Treaty ha detto: "Il sesto rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) rende chiaro che come mai prima d’ora dobbiamo ridurre le emissioni di gas serra e identifica l’alimentazione a base vegetale come un metodo chiave per raggiungere questo obiettivo. Con la temperatura globale destinata ad aumentare di 3°C a meno che non prendiamo provvedimenti urgenti, è necessario rendere noto come i nostri sistemi alimentari - e l'industria zootecnica e della pesca in particolare - stiano contribuendo alla crisi climatica."

"Con soli cinque anni rimasti per invertire i peggiori effetti del cambiamento climatico, il business as usual non è più un'opzione. È ora di passare a un'economia basata sulle produzione a base vegetale per invertire i danni che abbiamo causato all'ambiente e per promuovere una società più sana."

Individui, organizzazioni, aziende e città possono appoggiare il trattato inviando il loro sostegno via e-mail a endorse@plantbasedtreaty.org oppure visitando il sito web PlantBasedTreaty.org.

 

Plant Based Treaty:

Plant Based Treaty è una campagna popolare progettata per mettere i sistemi di produzione alimentare in prima linea nella lotta contro la crisi climatico-ecologica. Modellato sul popolare Fossil Fuel Treaty, il Plant Based Treaty mira a fermare il diffuso degrado degli ecosistemi causato dall'industria animale e a promuovere una trasformazione del sistema di produzione alimentare in un sistema etico, sostenibile e giusto per ogni specie vivente. Stiamo esortando scienziat–∑, individui, gruppi, organizzazioni, accademie, aziende e città ad appoggiare questa chiamata urgente all'azione e a fare pressione sui governi nazionali per negoziare un trattato internazionale basato sulla transizione ad un sistema di produzione alimentare completamente vegetale.








  Altre in "Società"