Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Martedì 21 maggio 2019    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Hi-TechFrancesco Pisani

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

22 Dicembre 2016
Telecamere sulle auto sempre pił diffuse
di Francesco Pisani



Telecamere sulle auto sempre pił diffuse
telecamere in auto

Alzi la mano chi di voi non ha visto almeno una volta in TV la pubblicità di quella telecamera che filma cosa accade davanti alla propria auto? Credo sia ben nota a tutti.

 

Ma in realtà quella piccola telecamera non è altro che uno dei tanti ausili alla guida che utilizzano sensori e telecamere in modo sempre più diffuso.

 

Infatti se da un lato le telecamere frontali nelle auto sono un buon elemento per la difesa in caso di incidenti ma non solo, le telecamere si stanno diffondendo davvero in modo massiccio sulle nostre auto con diversi utilizzi.

 

Vediamo a che punto questa tecnologia applicata alle auto è riuscita ad arrivare.

 

Partiamo dal sistema di riconoscimento dei segnali stradali. Questo sistema si basa su una telecamera posta sul parabrezza e che rileva i segnali stradali. Ne esistono di tipi differenti: alcune leggono solo i limiti di velocità mentre altre leggono tutti i segnali e sono in grado di proiettarle sull’Head Up Display. Anche quest’ultimo altro non è che una telecamera posta sulla plancia e che proietta sul parabrezza i dati principali del veicolo come velocità cambiata e navigazione.

 

Ci sono poi le telecamere termiche: cioè telecamere che rilevano il calore degli oggetti davanti all’auto e proiettano le immagini sul display di fronte al guidatore. Una cosa che fino a un decennio fa era appannaggio solo dei militari. In realtà questo sistema di bordo è appannaggio solo di auto piuttosto costose e probabilmente rimarrà confinato ad una nicchia.

 

Ci sono anche le telecamere stereo. Cioè 2 telecamere che lavorano in coppia e sono sempre poste sul parabrezza. Queste hanno lo scopo di leggere i segnali, controllare le corsie di marcia impendendo di uscire di carreggiata ma anche lavorare con i sistemi frenanti in grado tramite un radar di frenare e in alcuni casi anche arrestare del tutto un veicolo.

 

Infine le telecamere posteriori e anteriori che sono dedicate ai parcheggi e che aiutano nelle manovre dato che permettono di valutare meglio le zone in cui si mettono le ruote.

 

Ci sono dei sistemi evoluti che permettono la visione a 360 gradi del veicolo. Come se a volo di uccello si potesse guardare la propria auto da sopra e in questo caso si riescono a valutare tutti gli angoli della vettura. Molto comodo in caso di spazi stretti con veicoli ingombranti.

 

La maggior parte di questi apparati sono ancora in via di sviluppo per le auto mentre sono ad uno stadio più avanzato per i camion e i veicoli professionali.

 

In alcuni casi però alcune tecnologie si stanno diffondendo oltre che come optional, anche come accessorio di serie. Un plauso va infatti alla Citroen che ha messo una telecamera frontale che registra, come quella della pubblicità per intenderci, cosa avviene di fronte. Un costo minimo ma una piccola garanzia in più per i proprietari in caso di incidente.








  Altre in "Hi-Tech"