Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Lunedì 13 luglio 2020    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

Cultura - FotografiaGian Maria Rosso

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

24 Febbraio 2020
Prima di partire per un viaggio fotografico
di Gian Maria Rosso



Prima di partire per un viaggio fotografico
Parco

Sinceramente non ci avevo mai pensato. Sembra banale ma pensare di provare bene l’attrezzatura fotografica prima di partire per un viaggio fotografico non ci è mai passato per la testa. Verificare se siamo ancora capaci a scattare buone foto ad animali prima di partire per un viaggio importante.

Così abbiamo colto l’occasione che un zoo-parco apriva per pochi giorni, siamo andati a testare il nuovo obiettivo 100-400 di Alessandra.

Sicuramente abbiamo fatto ridere non poche persone, allo zoo con 2 teleobiettivi che non passano inosservati, e infatti qualcuno ci ha fatto la domanda: ma che ci fate qui?

Però a casa abbiamo riportato delle indicazioni non banali.

  • Non fotografare con diaframmi troppo aperti, è vero che le foto scattare con queste aperture vengono molto bene, ma dobbiamo ricordarci che in viaggio non abbiamo mai tempo di fermarci e con calma mirare all’animale.  

Se utilizziamo aperture f 5-7 allora sarà molto probabile che mettiamo a fuoco TUTTO l’animale, non solo una parte.

  • ISO automatici. Nonostante io scatti in manuale, utilizzare gli ISO AUTO in queste condizioni non è da scartare. Non sappiamo mai dove comparirà un soggetto, e magari la foto prima la luce aveva una direzione completamente diversa e anche l’intensità era più o meno forte. Quindi possiamo lasciare fare alla fotocamera il lavoro di calcolare una corretta esposizione.
  • Se la macchina è recente tenere sempre impostato un tempo di scatto molto veloce, in quanto se mentre camminiamo e siamo con un tele, possiamo scattare in tutta tranquillità. Saremo sicuri di non avere il mosso.
  • Ultimo consiglio, se presupponiamo che qualcosa stia per arrivare, scattiamo a raffica. Sicuramente su una serie di 10 scatti, uno avrà bene inquadrato l’animale.

Sembrano raccomandazioni molto banali, ma ripassare non fa mai male, e provare a rimetterci in pista con un pomeriggi di scatti ci darà fiducia.

Noi stessi abbiamo trovato qualche nostro errore, ma solo dopo aver riguardato a casa le foto con calma.

Non al ritorno da una vacanza, quando non sarà più possibile rifare quelle foto.

 

https://www.phototravelling.it/dna-di-una-foto/prima-di-un-viaggiofotografico/

per informazione contattatemi : info@phototravelling.it








  Altre in "Fotografia"