Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Giovedì 21 marzo 2019    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

TravelGiorgia Piombo

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

13 Settembre 2016
Olanda, una terra da scoprire
di Giorgia Piombo



Olanda, una terra da scoprire
Volendam

L’Olanda, quel piccolo territorio nel Nord Europa che nasconde alcuni dei più bei paesaggi del mondo con le sue particolarità ed unicità. 

 

Una Terra sott’acqua, come si suol dire, dovuta all’antica leggenda del bimbo che salvò questo Stato infilando un dito nella diga, per evitare che le terre venissero sommerse dall’acqua.. da qui la denominazione di “Paesi Bassi”. 

 

Un Paese dove i cittadini non sono schiavi dei propri cliché, dove fumare uno spinello in compagnia dei genitori non è strano, dove vi è libertà sessuale, dove l’assistenza sanitaria è gratuita, dove la disoccupazione è stipendiata…. insomma, un Paese dove vivere ed essere felici. 
Tutto, all’interno dei tipici paesaggi naturali olandesi, tra canali, biciclette, mulini e lunghe e dense distese di tulipani colorati.

 

Amsterdam è la città olandese per eccellenza, moderna nella zona commerciale ed industriale e tipica al suo interno, caratterizzata da quelle antiche case storte che sorgono lungo i canali. Ponticelli, fiori, tantissimi musei (Van Gogh, Riskjmuseum, Rembrant) e parchi arricchiscono quella che è una delle mete preferite dei turisti, giovani soprattutto. Spesso si pensa che andare ad Amsterdam voglia dire rinchiudersi in un “coffee shop” con il solo scopo di fumare ciò che nel nostro Paese, come in tanti altri, è illegale… cerchiamo di sfatare questo assurdo mito!

 

Ma andare in Olanda non significa fermarsi solo nella capitale, l’Olanda bisogna scoprirla in tutto e per tutto. 

 

Utrecht è una delle più affascinanti città olandesi, forse la più romantica ed elegante, una di quelle cittadine di cui è impossibile non innamorarsi. Negozietti, locali sull’acqua e una chiesa meravigliosa costituiscono il fulcro della città, per non parlare poi dell’incantevole castello fiabesco poco fuori il centro.

Se scendiamo invece verso la zona meridionale del Paese, ecco che potremmo scoprire quella che è la città industriale per eccellenza, vista da molti come “la piccola New York”: Rotterdam. Distrutta quasi interamente durante la seconda guerra mondiale, Rotterdam è rinata come una città moderna con i suoi altissimi grattacieli. Sopra il fiume Nieuwe Mass si può ammirare “il cigno”; si, cosi è soprannominato uno dei simboli della città per la sua forma, nonché il noto ponte Erasmusbrug.

 

Ma Rotterdam è conosciuta in tutto il mondo per un motivo principale: per essere il porto più grande d’Europa. 

 

Per una giornata all’insegna della natura e dell’essenza olandese, non si può non fare un salto nelle famosissime Zaanse Schans e Volendam. Entrambe tipiche ed affascinanti. La prima è un vero e proprio tuffo nel passato ove è possibile visitare dall’interno i classici mulino a vento olandesi lungo i canali, riscoprire gli zoccoli e vederne un piccolo museo e assaggiare alcuni dei formaggi più pregiati; Volendam invece è un villaggio e porto peschereccio: obbligatoria la passeggiata lungo il porto. Famosa per il pesce e per i vestiti tipici con i quali è possibile fare una foto… ma soprattutto per il paesaggio che sembra quasi un dipinto. 

 

Infine, non si può non citare Delft. Delft gode di fama mondiale, grazie a Johannes Vermeer, la ceramica Blu e Bianca Delft e la Casa Reale. 

Una città di cui rivivere il passato glorioso, con i suoi piccoli canali, le chiese (la Nuova e la Vecchia), le residenze e i cortili. Ma Delft è anche città universitaria con tante opportunità per giovani. 

 

Ah, un’ultima cosa: in Olanda si mangia benissimo se si ha l’accortezza di non mangiare olandese, escludendo da questa affermazione apodittica l’aringa cruda, che è buonissima.








  Altre in "Travel"