Rss di IlGiornaleWebScrivi a IlGiornaleWebFai di IlGiornaleWeb la tua home page
Sabato 19 settembre 2020    redazione   newsletter   login
CERCA   In IlGiornaleWeb    In Google
IlGiornaleWeb

ModaAlessandro Ceronetti

CONDIVIDImyspacegooglediggtwitterdelicious invia ad un amicoversione per la stampa

24 Gennaio 2014
Nuova tendenza nella moda: no alle pellicce animali
di Alessandro Ceronetti


Nuova tendenza nella moda: no alle pellicce animaliLa tendenza delle pellicce naturali, che provengono direttamente dagli animali, resiste al tempo. Sembra però che la moda e il vasto campo dei marchi che la compongono si stia lentamente schierando contro tali oggetti di stile: da una parte per via del maltrattamento che gli animali sono costretti a subire, dall'altra per via dei trattamenti ai quali tali capi vengono sottoposti e che sono causa di forte impatto ambientale. Per aumentare la lotta a tale tipo di consumo è nato uno standard internazionale, denominato "Fur Free", che permette, attraverso l'applicazione di un cartellino "Fur Free Company", di identificare i capi non prodotti con pellicce animali. Nel nostro paese anche la Miniconf, azienda di abbigliamento per bambini, ha deciso di aderire a questa iniziativa al fine di evitare pellicce di origine animale e promuovere, attraverso l'utilizzo nei propri prodotti, il tessile alternativo e le fibre vegetali. Questa iniziativa è coordinata, in Italia, dalla LAV, la lega anti-vivisezione, che si è preoccupata di dimostrare come i prodotti alternativi siano in grado di dare una resa praticamente identica a quella originale: le pellicce animali in sostanza vengono replicate in tutto e per tutto con materiali differenti. Miniconf è stata inserita nell'elenco delle aziende virtuose che hanno deciso di adottare questo determinato standard. Sul sito della Lav (furfreeretailer.com) e sul sito tematico appositamente dedicato (www.nonlosapevo.com) è possibile trovare l'elenco di tutte le aziende che hanno deciso di aderire al progetto.






  Altre in "Moda"